I 10 migliori champagne da regalare a Natale

  • dicembre 1, 2023

 

Un Natale da ricordare richiede un vino indimenticabile. 

Simbolo di tradizione, prestigio e icona per eccellenza di grandi eventi, lo champagne è il vino più prestigioso, da regalare, e perché no, regalarsi anche durante le Feste.

In questo articolo ti presenteremo 10 bottiglie imperdibili, che hanno ottenuto elevati punteggi dalla critica e sono molto ricercate da appassionate e collezionisti. 

Ti racconteremo inoltre le caratteristiche che le hanno rese classici senza tempo e grandi protagoniste della produzione vitivinicola mondiale.

Infine, ti sveleremo qualche aneddoto che renderà la tua conoscenza dello champagne ancora più effervescente.

Buona lettura!

 

Lo champagne in numeri

La grande richiesta di champagne ha contribuito a rendere più rare nel mercato le bottiglie delle maison più prestigiose.

Nel 2022 l'interesse è stato così alto che si è registrato un record di vendite pari a 326 milioni di bottiglie per un aumento del giro d’affari a oltre 6 miliardi di euro. Nel 2023 la scarsità di prodotto che ha segnato il biennio 2021/2022 si è decisamente normalizzata.

Dal 2018 l’indice regionale Champagne eWibe è in continua crescita, arrivando a segnare un aumento dell’81% negli ultimi 6 anni.

 

I magnifici 10

Grandi rappresentanti della tradizione, questi champagne sono ormai classici senza tempo che promettono di mantenere il loro prestigio anche nei nuovi scenari di mercato. (Se vuoi conoscere meglio la storia dello champagne, puoi leggere qui il nostro articolo).

5_champagne_prestigiosi

 

Louis Roederer Cristal 2015 

Cristal, la prima cuvée de Prestige di Champagne della storia, fu creata nel 1876 per soddisfare i gusti esigenti dello Zar Alessandro II. 

Il nome del vino nacque da una richiesta dello Zar che, temendo di cadere vittima di un attentato, volle che la bottiglia fosse realizzata in cristallo trasparente e con fondo piatto, per evitare che all’interno dell’incavo situato sul fondo si potesse nascondere del veleno.

Nella storia del prestigioso Champagne, la 2012 è stata la prima annata che ha visto una produzione ottenuta esclusivamente con uve provenienti da agricoltura biodinamica, un risultato sorprendente soprattutto in relazione alla quantità prodotta: circa 800.000 bottiglie.

Elaborato unicamente nelle "grandi annate", Cristal è composto da un assemblaggio di Pinot Noir (circa il 60%) e Chardonnay (circa il 40%): viene affinato in cantina per 6 anni e lasciato riposare 8 mesi dopo la sboccatura prima dell’immissione in commercio.

L’annata 2015 è stata premiata con un punteggio di 95/100 da Wine Advocate di Robert Parker.

 

Taittinger Comtes de Champagne 2012

Taittinger è una delle più note case produttrici di champagne con sede a Reims.

La storia della Maison inizia agli albori del XX secolo. Pierre Taittinger scopre la Champagne mentre è ufficiale militare durante il primo conflitto mondiale. Grande appassionato di vino e di gastronomia, Taittinger vi ritornerà qualche anno dopo, per iniziare a sviluppare il suo business.

Il brand Taittinger, nato nel 1932, diventa un punto di riferimento tra le grandi maison di champagne. Molto rapidamente lo Chardonnay diventa il vitigno emblema della maison contribuendo a creare cuvée che spiccano per finezza, eleganza e leggerezza.

Taittinger è particolarmente nota per il suo Comtes de Champagne, uno dei migliori Blanc de Blancs della regione. 

Il Comtes de Champagne è prodotto con uve che originano esclusivamente da cinque Grands Crus della Côte des Blancs (Avize, Chouilly, Cramant, Le Mesnil-sur-Oger e Oger) su terreni eccezionali che devono la loro unicità al suolo calcareo che conferisce mineralità, potenza e una rara finezza aromatica.

L’annata 2012 ha ricevuto un punteggio di 95+/100 da Wine Advocate di Robert Parker e di 18/20 da Jancis Robinson.

 

Bollinger La Grande Année 2014

La maison Bollinger, oggi proprietaria di circa 170 ettari di vigneti in diverse zone della Champagne, nasce ad Aÿ nel 1829 e si è da sempre distinta per uno stile potente ma preciso. I vini sono a prevalenza Pinot Noir, uva che compone più del 60% della superficie vitata; le fermentazioni sono effettuate, parzialmente o per intero, in botti di rovere e le soste sui lieviti sono particolarmente protratte.

Bollinger non sarebbe tanto importante quanto lo è oggi se non ci fosse stato l’apporto cruciale della figura di Madame Lily Bollinger, donna di affari di straordinario talento e forza trainante e innovativa della maison dal 1941 al 1971.

Bollinger è una delle ultime case di champagne rimaste a vinificare ancora i suoi grandi vini in botti di legno.

La Grande Année di Bollinger è ottenuta solo durante annate eccezionali, quando le bacche sono perfettamente equilibrate, da un assemblaggio di 61% Pinot Noir e 39% Chardonnay. Il vino viene affinato esclusivamente in piccole botti vecchie e matura nell'oscurità delle cantine di Bollinger per il doppio del tempo previsto dalle norme dettate dalla Denominazione.

L’annata 2014 ha ottenuto un punteggio di 97/100 da Wine Advocate di Robert Parker, mente Vinous di Antonio Galloni le ha assegnato 98/100.

 

Bollinger La Grande Année Rosé 2014

Composto dal 63% di Pinot Noir e dal 37% di Chardonnay e imbottigliato con 8 g/l di dosaggio zuccherino, la 2014 è un'annata di grande equilibrio tra maturità e acidità.

Uno dei migliori Rosé d’assemblaggio di tutta la Champagne, è una Cuvée ottenuta dal blend tra Grande Année e una piccola parte di Pinot Noir vinificato in rosso che origina dalla Côte aux Enfants, una piccola parcella di straordinaria vocazione sita nel comune di Aÿ. Come per la versione in bianco e per R.D. è interamente fermentato in botti di rovere.

Di naso finissimo, floreale ma incisivo, al palato è denso, variegato e sfaccettato.

 

Bollinger R.D. 2008

A Madame Lily Bollinger, innovativa e visionaria, si deve il concepimento del famoso R.D. (“Récemment Dégorgée”), ovvero “recentemente sboccato”. 

Cuvée prodotta solo ed esclusivamente nelle migliori annate e ottenuta da un assemblaggio di circa il 70% di Pinot Noir con saldo di Chardonnay, l’ R.D. venne presentato per la prima volta nel 1961 come sboccatura recente di un Vintage Extra Brut (all’epoca 6 g/l di zucchero) del 1952. 

Per quanto si tratti sostanzialmente di una Grande Année con sosta sui lieviti più prolungata, R.D. si distingue per essere uno Champagne unico ottenuto da una selezione di circa 20 cru diversi, maturato per 10/12 anni sui lieviti sotto tappo di sughero (bouchon liège) e dosato extra brut a 3 g/l. Campione tra i pesi massimi, il R.D. punge come un’ape, vola come una farfalla.

L’annata 2008 ha ottenuto un punteggio di 98+/100 da Wine Advocate di Robert Parker, mentre Vinous di Antonio Galloni le ha assegnato 96/100.

 

5_champagne_prestigiosi_parte_2

 

Pol Roger Sir Winston Churchill 2012

Fondata nel 1849, Pol Roger è una prestigiosa maison di Champagne con sede in Avenue de Champagne a Épernay. 

Esponente di uno stile che predilige vini eleganti, fini e dalla beva morbida ma precisa, Pol Roger si è da sempre specializzata nella vinificazione di Champagne millesimati (vintage) ed è stata in grado di affermarsi specialmente nel mercato britannico, da sempre particolarmente esigente in materia di Champagne.

Ancora oggi l’azienda è posseduta dagli eredi del fondatore rendendo di fatto la maison una delle pochissime a non aver subito cambi di proprietà nel corso della sua storia lunga oltre 170 anni.

Lo stile della Maison, ricco, maturo e bilanciato da doti di freschezza, fece innamorare anche Winston Churchill, il più illustre politico britannico del ‘900, tanto da diventarne l’ambasciatore nel mondo. Definì la sede della Maison “The most drinkable address in the world".

Per onorare l’amicizia e ricambiarne la stima, Pol Roger dedicò a Churchill il primo champagne più prestigioso. La Cuvée Sir Winston Churchill è uno champagne di qualità altissima prodotto in edizione limitata, riconosciuto tra le più importanti cuvée della regione.

La passione del celebre statista era tale da spingerlo a battezzare il suo cavallo purosangue con il nome della Maison, e ancora oggi ogni millesimo della cuvée viene presentato al pubblico a Blenheim Palace, dimora dell’ex primo ministro britannico.

Per onorare l’amicizia e ricambiarne la stima, Pol Roger dedicò a Churchill il primo champagne più prestigioso. La Cuvée Sir Winston Churchill è uno champagne di qualità altissima prodotto in edizione limitata, riconosciuto tra le più importanti cuvée della regione.

La composizione del blend è tenuta segreta e custodita con gelosia dalla famiglia Pol Roger, anche se le percentuali di massa si attestano intorno al 75% di Pinot Nero e la parte restante di Chardonnay. L’assemblaggio è soggetto a cambiamenti secondo l’annata.

La cuvée Sir Winston Churchill - prima annata prodotta 1975, presentata nel 1984 (in quella occasione solo in formato Magnum) - è uno Champagne ottenuto da Pinot Noir e Chardonnay che matura sui lieviti tra gli 8 e i 9 anni e si distingue per essere un vino particolarmente equilibrato in cui alla complessità, alla generosità dei profumi e alla morbidezza, fanno da contraltare una incredibile freschezza ed eleganza. 

Il Sir Winston Churchill è uno Champagne in grado di reggere egregiamente svariati anni di evoluzione in cantina. 

L’annata 2012 ha ricevuto punteggi altissimi da parte della critica: Wine Advocate di Robert Parker le ha assegnato 95/100, mentre James Suckling l’ha premiata con 98/100.

 

Dom Pérignon Vintage 2013

“Produrre il miglior vino al mondo”: questa l’ambizione che nel XVII secolo spinge il monaco Pierre Pérignon, uomo audace e lungimirante, a viaggiare in tutta la Francia e a guadagnarsi persino un posto alla tavola del Re Sole, affascinato dalla notorietà del suo vino, il Dom Pérignon. 

Tre secoli dopo, la Maison ha reso immortale il lavoro di questo asceta, oramai considerato a tutti gli effetti il padre spirituale dello champagne. I millesimati Dom Pérignon sono prodotti solo con le migliori uve della tenuta. 

Ognuno di essi è una creazione unica, con uno stile e un’identità irripetibili. Questa visione si rispecchia nel sottile equilibrio che caratterizza lo champagne della Maison: un’alleanza di complessità e intensità. La lenta evoluzione regala ai millesimati Dom Pérignon un incredibile potenziale di invecchiamento, che si esprime in non meno di tre plénitude, o momenti di maturazione.

L’annata 2013 ha ricevuto un punteggio di 95/100 da Wine Advocate di Robert Parker.

 

Dom Pérignon Rosé 2008

Assemblaggio di circa il 60% di Pinot Noir di cui il 14% vinificato in rosso e del 40% di Chardonnay, Dom Pérignon Rosé affina per 12 anni sui lieviti e viene imbottigliato con un dosaggio di 5 g/l. È uno champagne dotato di finezza e spiccata complessità aromatica. Di colore aranciato con riflessi ramati, all’olfatto si svela complesso con sentori floreali, fruttati di piccoli frutti rossi e scorza di arancia, una lieve spaziatura secca e ricordi di torrefazione. Al palato è ricco ed energico, con una notevole persistenza aggrumata e vinosa.

L’annata 2008 ha ricevuto un punteggio di 97/100 da Wine Advocate di Robert Parker e da Vinous di Antonio Galloni.

 

Perrier-Jouët Belle Époque 2015

Fondata nel lontano 1811, la maison Perrier-Jouët è una delle più famose cantine della Champagne. Tra gli aspetti che hanno legato in maniera cruciale la storia della maison a quella della regione c’è senza dubbio la creazione, nel 1842, del primo Champagne a basso dosaggio: Cuvée K Brut. 

Il motivo, però, per cui la maison Perrier Jouët è oggi tanto nota risiede nella finezza della sua Cuvée de Prestige, Belle Époque, la cui bottiglia è decorata con un iconico motivo floreale in cui risaltano anemoni giapponesi bianchi contornati d’oro in arabesco. Il disegno data 1902 e porta la firma di Emile Gallé, maestro dell’Art Nouveau, mentre la prima edizione della cuvée Belle Époque nasce dal millesimo 1964. 

Frutto del blend delle tre uve principali della Champagne, Belle Époque è uno Champagne fresco, delicato e fine il cui corredo gusto-olfattivo è caratterizzato da aromi di fiori bianchi e frutta matura. L’affinamento sui lieviti dura circa 7 anni e dopo il dégorgement viene aggiunta una liqueur d’expedition di circa 9 g/l. Champagne dal profilo olfattivo dolce e delicato e dalla texture morbida e carezzevole. 

La 2015 è l’ultima annata rilasciata dall’azienda.

 

Krug Vintage Brut 2008 

Quando Joseph Krug fondò la Maison de Champagne che porta il suo nome, nel 1843, mosso dalla convinzione che la vera essenza dello Champagne sia il piacere stesso, il suo sogno era quello di offrire ogni anno il miglior Champagne possibile, indipendentemente dalle variazioni climatiche. 

Rivoluzionò le regole della creazione dello Champagne, fondando una Maison in cui tutti gli Champagne hanno lo stesso livello di distinzione. Nel 1848, Joseph affidò la sua visione alle pagine del suo diario, un carnet color dark cherry.

Krug Brut Vintage è realizzato “in base alle circostanze”, come scrisse Joseph. Per la Maison, un millesimato Krug non è una semplice selezione dei migliori vini di una buona annata, ma piuttosto una selezione dei vini che esprimono al meglio la storia di quell’anno, che ne incarnano la musicalità. La creazione è poi arricchita da oltre dieci anni di riposo nelle cantine della Maison.

Quella del 2008 è stata l’annata del secolo per la Maison? Probabilmente sì. Krug è famoso per produrre Champagne robusti, strutturati e in grado di evolvere meravigliosamente nei decenni. Non abbiamo dubbi che questa 2008, caratterizzata da uno stile ricco e profondo, potrà fare tantissima strada.

Vintage Brut Krug 2008 ha ricevuto un punteggio di 97/100 da Vinous di Antonio Galloni. Jancis Robinson l’ha invece premiata con un rating di 18/20.

 

Un successo intramontabile

In questo articolo ti abbiamo presentato una selezione di 10 champagne che hanno ricevuto punteggi molto alti dai critici e che sono ormai intramontabili in qualunque collezione di pregio.

Vini d’eccellenza che continuano a essere protagonisti del mercato e ad aumentare di valore.

Abbiamo poi ripercorso storia, peculiarità della produzione e aneddoti di ciascuno di essei che fanno parte del percorso attraverso il quale queste bollicine hanno conquistato il mondo.

Ognuna delle bottiglie di questa selezione rappresenta un perfetto regalo di Natale, un bene che continua ad aumentare di valore e che dura nel tempo, proprio come i legami speciali.

Su eWibe trovi una selezione delle bottiglie più pregiate, dall’alto potenziale di crescita. Se vuoi approfondire la tua conoscenza e scoprire di più sul perché investire in champagne scarica la nostra Guida allo Champagne.

ALTRI

Articoli correlati

Scopri altri articoli che potrebbero piacerti

9 vini vini da investimento per il 2024

marzo 1, 2024
Tra le bottiglie protagoniste del 2023, che sono state anche le più scambiate su eWibe, troviamo diversi grandi...
Investi con eWibe

Non perderti la rivoluzione degli investimenti in vino

Il miglior momento per investire in vino era 20 anni fa. Il secondo miglior momento per iniziare ad investire è adesso. Non perdere altro tempo, inizia ora!